In EvidenzaLa tradizioneLifestyleSenza categoria

Il murice spinoso anche detto ragusa

4 ottobre 2018
raguse_rubrica_prodotti

Bagnata ad est dal Mar Adriatico e cullata ad ovest dalla catena appenninica, la nostra regione ha una varietà infinita di prodotti e ingredienti locali che spaziano tra i sapori della montagna a quelli del mare. Se parliamo di piatti tipici della costa abbiamo già conosciuto il mosciolo e i cannelli, ma un altro alimento merita di essere inserito in questa top three dei cibi celebri marchigiani: le raguse.

Il loro nome scientifico è Bolinus brandaris e appartengono alla famiglia delle Muricidae. Hanno una conchiglia molto resistente, lunga circa 6-8 cm, la quale presenta dei prolungamenti spinosi e una colorazione che varia dal giallo al bruno. Possono essere di due tipi, di sabbia, più piccole ma con forma allungata o da scoglio con un sapore ancora più intenso. Entrambe infatti hanno un gusto profondo che ricorda molto i sentori del mare.

Un mondo di ricette può essere realizzato con questo mollusco, dal tradizionale “Raguse in porchetta”, alla cottura in umido con un po’ d’olio, aglio e prezzemolo; da una sfiziosa insalata di mare, alla creazione di ottimi sughi per condire la pasta. Quindi le raguse possono essere sia dei prelibati antipasti sia squisiti primi per tutte le occasioni.Alcuni amano lessarle e servirle con della rucola, accompagnandole con una manciata di prezzemolo e una spruzzata di limone. Ma se non lo avete mai provato, il nostro consiglio è di realizzare un piatto davvero unico: le Linguine con le raguse.

Vi basterà mettere i murici in padella con un po’ d’acqua, coprirli con un coperchio e lasciarli cuocere per circa 30 minuti. Una volta pronti e sgusciati con il dente di una forchetta o uno stuzzicadenti, potete realizzare un sughetto leggero, perfetto per esaltare il sapore del mollusco. Fate soffriggere aglio, olio, peperoncino e dopodiché inseriti i pomodorini aggiustando di sale. Fate cuocere per 5 minuti il tutto e poi aggiungete le raguse. Una volta cotta la pasta, scolatela al dente e fate saltare in padella con il sugo, aggiungendo una manciata di prezzemolo fresco e pepe.

Mi raccomando, per rendere questo primo ancora più speciale, non dimenticatevi di utilizzare le Linguine de La Pasta di Camerino per un piatto 100% made in Marche.

 

Buon appetito!

 

Potrebbe piacerti anche