stiamo riempiendo il tuo carrello
HOME / BLOG / Di terra / Camerino: dove nasce la nostra pasta

Camerino: dove nasce la nostra pasta

Il legame tra La Pasta di Camerino e il nostro paese immerso nel verde delle colline marchigiane ha da subito rappresentato uno dei valori più importanti per noi.
Crediamo che, partendo dalle nostre origini, possiamo trasmettere le emozioni che per noi sono racchiuse nei sapori della tradizione, nei ricordi delle nonne di Camerino che stendono la pasta per il pranzo della domenica, nei ricordi della famiglia seduta insieme attorno a un tavolo a chiacchierare e sorridersi.
Per noi Camerino rappresenta tutto questo.

In questo articolo vogliamo restituirvi l’atmosfera che si respira in questa città e rendere omaggio al paese che più di tutti amiamo al mondo e dove abbiamo scelto con orgoglio di rimanere nonostante le difficoltà derivate dal terribile sisma del 2016.

Come nacque la città di Camerino

Andando un po’ indietro nel tempo, scopriamo che la nostra città è stata fondata da un popolo originario dell’Umbria, i Camerti. La storia vuole che questo popolo, dopo aver perso in battaglia il proprio paese d’origine, Kamers, fu costretto a emigrare. Così i Camerti, dopo aver attraversato l’Appennino, incontrarono un piccolo villaggio abitato da poche persone che da lì a poco sarebbe diventato Cameria o Camerta, ossia l’attuale Camerino.

I camerti si stabilirono in questa zona attorno al II° secolo dopo Cristo e il loro insediamento venne reso legittimo grazie ad accordi strategici con i Romani. Dalle testimonianze scritte, sappiamo, inoltre, che i Camerti furono un popolo guerriero e combattivo che, a fianco dei Romani, partecipò anche alle Guerre Puniche.

Cosa rende speciale Camerino

Con i Monti Sibillini a fare da meravigliosa cornice, la città di Camerino è un piccolo gioiello dell’entroterra marchigiano. Da alcune zone si osservano panorami mozzafiato in cui il verde delle colline, incontrandosi con l’azzurro del cielo, travolge di bellezza e di aria fresca chi è di passaggio e anche le persone che a Camerino ci abitano.

Camminando tra le vie della città, la storia e l’arte, racchiuse nei monumenti e nelle architetture dei palazzi storici, accompagnano ogni vostro passo dandovi la possibilità di ammirare opere appartenenti a diverse epoche. Dal Duomo alla Basilica di San Venanzio passando per il Convento dei Frati Cappuccini, ogni opera architettonica sa sorprendervi e  raccontarvi un pezzetto di storia e di arte della città.

Camerino, però, non è solo storia e arte, ma anche studio e conoscenza di nuove materie. Infatti, dal 1336 la città ospita una delle università più rinomate d’Italia. Ogni anno, migliaia di studenti scelgono per i propri studi l’ateneo di questa città e decidono di vivere la quotidianità del paese.
Il blasone, unito alla competenza dei ricercatori che operano nell’università, ci hanno convinto a scegliere l’ateneo per gli studi sulla nostra pasta Hammurabi. In collaborazione con l’Università di Camerino abbiamo realizzato il progetto Hammurabi – Monococco Marche, finalizzato a introdurre questo grano antico nelle campagne marchigiane e a creare una pasta dalle spiccate proprietà nutritive, ideale per l’alimentazione degli sportivi.

Ma ciò che rende Camerino un paese davvero speciale sono le tradizioni che si tramandano di generazione in generazione: la pasta fatta in casa.
Tutti noi custodiamo il ricordo della nostra nonna che preparava la pasta per il pranzo della domenica o delle feste e della casa che veniva riempita di profumi e felicità.

Ogni famiglia di questo paese, ancora oggi, mantiene viva questa tradizione e vede nei pranzi con la famiglia o con gli amici un momento di allegria accompagnato da un buon piatto di pasta.

Oltre alle tradizioni annidate in questa città, anche il territorio ci aiuta nella produzione della nostra amata pasta. I monti Sibillini che circondano Camerino regalano al paese un’aria fresca e pulita, ideale per la fase di essiccazione. Grazie a un ambiente sano e a un’aria salubre, la lavorazione della pasta che avviene a Camerino si rende unica e inimitabile. E vi assicuriamo che, già dal primo assaggio, si ha la sensazione di mangiare una pasta “naturale” e lavorata in un ambiente privo di agenti inquinanti.
L’aria sana e pulita che caratterizza la città ha rappresentato un fattore decisivo nella scelta di non delocalizzare la produzione della pasta dopo il sisma del 2016. D’altronde, sarebbe davvero un peccato rinunciare a essa!

Noi de La Pasta di Camerino mettiamo il cuore in quello che facciamo e ci impegniamo per far vivere e rivivere quegli istanti a chiunque scelga i nostri prodotti. Abbiamo quindi deciso di ispirarci agli stessi metodi artigianali utilizzati dalle nonne di Camerino per la preparazione della nostra pasta con un triplo impasto, una trafilatura al bronzo e un’essiccazione lentissima, di utilizzare solo materie prime italiane e di mettere in ogni nostro prodotto lo stesso amore che abbiamo respirato in quei momenti passati insieme alla famiglia.

Il desiderio è quello di trasportarvi in quegli attimi di gioia con un solo boccone della nostra pasta e di far cantare il vostro palato con gusti unici che sanno di casa.

marchio 100% italiano

Gli unici con Filiera 100% trasparente

Sulle colline dell’entroterra marchigiano la brezza del mare adriatico si mescola all’aria pura e alla terra genuina dei monti sibillini. È qui che nasce La Pasta di Camerino, ruvida e porosa come quella fatta in casa, realizzata con cura e nel rispetto dei migliori metodi artigianali.

0
0