HOME / BLOG / Storie di pasta / La pasta nella dieta degli sportivi: un’alleata d’oro

La pasta nella dieta degli sportivi: un’alleata d’oro

Praticare sport durante la giornata aiuta a mantenersi in forma sia dal punto di vista fisico che mentale e rappresenta un momento in cui si bruciano grassi e calorie e si allontanano i pensieri della vita quotidiana.
Che si scelga di praticare uno sport dispendioso dal punto di vista delle energie o meno faticoso, la pasta è sicuramente uno degli alleati per affrontare adeguatamente la prestazione fisica. Noi de La Pasta di Camerino lo sappiamo bene e, per questo motivo, sosteniamo lo sport e promuoviamo uno stile di vita sano, anche attraverso la nostra pasta. Vediamo, dunque, qual è il ruolo della pasta nella dieta degli sportivi e qual è la giusta quantità per essere pronti a fare attività fisica.

L’importanza dei carboidrati per gli sportivi

Fra le tante sostanze nutritive e benefiche per la salute delle persone contenute nella pasta troviamo i carboidrati. Tali sostanze costituiscono una fonte energetica per tutti i muscoli messi a dura prova dalle attività sportive. Dunque, assimilandoli grazie al consumo di pasta, si avrà la certezza che la propria muscolatura sia in grado di sopportare uno sforzo fisico anche prolungato.

Se le quantità di carboidrati, consumate prima dello sport, sono sufficienti a introdurre i corretti quantitativi di glicogeno nei muscoli e a sostenere l’intera muscolatura, la prestazione fisica ne beneficerà. In altre parole, potremmo affermare che i carboidrati vanno considerati come il carburante del corpo umano e, perciò, solo una pasta di qualità come La Pasta di Camerino è capace di garantirne un valido apporto. 

Pasta Hammurabi alleata dello sport

Pasta Hammurabi nasce da un grano antico della specie monococco e presenta un basso indice di glutine (inferiore al 15%) che rende la pasta digeribile con estrema facilità. È così che mangiare Hammurabi con regolarità durante il periodo di allenamento per preparare una gara aiuta l’organismo ad affrontare gli sforzi.

Ad un contenuto di glutine molto basso, si accompagna un basso indice glicemico che è in grado di garantire un graduale e regolare assorbimento degli zuccheri nello ore che seguono il pasto. Tale aspetto è molto importante, dal momento che un ridotto indice glicemico permette all’energia immagazzinata consumando Pasta Hammurabi di essere disponibile in maniera costante durante l’attività sportiva, tenendo alla larga picchi glicemici e conseguenti ipoglicemie e sensazioni di affaticamento, che porterebbero ad un calo della performance sportiva.

Oltre al notevole apporto di carboidrati, fondamentale per garantire la giusta quantità di glicogeno nei muscoli, il contenuto di proteine che caratterizza Pasta Hammurabi è una vera e propria fonte da cui attingere per aumentare la propria forza ed energia

Pasta Hammurabi non è solo carboidrati e proteine! Infatti, micronutrienti come il magnesio e il potassio contribuiscono in maniera decisiva al normale funzionamento del sistema nervoso. Oltre a ciò, il potassio è responsabile anche di un livello di pressione sanguigna regolare, mentre il magnesio svolge un ruolo primario nel diminuire il senso di stanchezza e affaticamento che potrebbe verificarsi durante o dopo la performance fisica. 

Gli ulteriori micronutrienti che caratterizzano la pasta Hammurabi sono il ferro che, proprio come il magnesio, aiuta la persone a sentirsi meno stanche e il fosforo, determinante per normalizzare il metabolismo energetico, mantenere in salute ossa e denti e garantire un ottimale funzionamento delle membrane cellulari.

Riassumendo, quindi, in Hammurabi è possibile ritrovare tutte le caratteristiche che fanno di una pasta la perfetta soluzione circa il pre e post attività sportiva. Nelle ore precedenti alla prestazione, con l’apporto di carboidrati e micronutrienti si avrà la giusta dose di vigore fisico per sostenere lo sforzo. A seguito della prestazione, le sostanze nutrienti presenti in Hammurabi permetteranno all’atleta di recuperare in tempi rapidi ed in maniera completa.

Come riprova dei vantaggi che Pasta Hammurabi è capace di dare allo stato di forma degli sportivi, ci piace ricordare che è stata scelta da atleti del calibro di Jury Chechi, dalla squadra di pallavolo Lube Volley e dai ciclisti del Team Colpack Ballan.

Quanta pasta deve consumare un atleta ogni giorno

A seconda dell’intensità e delle ore di allenamento giornaliero, il fabbisogno di carboidrati può variare anche in maniera significativa. Naturalmente all’aumentare della durata e del dispendio energetico, il corpo necessita di una quantità di carboidrati decisamente maggiore.

Le persone che non praticano sport regolarmente dovrebbero raggiungere un apporto giornaliero di carboidrati pari a 2-3 grammi per ciascun chilogrammo di peso corporeo. Nel caso degli sportivi, questa soglia può salire anche a 6-10 grammi per ogni kg del proprio peso. Chi pratica sport che richiedono uno sforzo decisamente prolungato (corsa, ciclismo e più in generale per tutti gli sport di media e lunga durata), solitamente superiore a un’ora, ha bisogno di consumare una quantità di carboidrati che può arrivare anche a 10-12 grammi per chilogrammo di peso corporeo. Tutti i dati sono da considerarsi come indicatori generali, utili a dare dei semplici ordini di grandezza, per i quali sarà necessaria una valutazione puntuale sullo stato di ogni singolo atleta e delle proprie esigenze metaboliche.

Quale pasta scegliere?

La scelta potrebbe tranquillamente ricadere su una pasta di semola di grano duro che per ogni 100 grammi di pasta mangiata, restituisce un apporto di carboidrati uguale a 280 kcal. Come Pasta Hammurabi, anche la nostra pasta di semola ha il pregio di essere facilmente digeribile, grazie al metodo di lavorazione ed alle semole selezionate e, quindi, di non influenzare negativamente l’attività sportiva a causa di un senso di pesantezza allo stomaco.

Mangiandola prima di un allenamento, si avranno tutte le energie necessarie per sostenere la prova fisica; mentre mangiandola dopo l’allenamento o la gara si potranno reintegrare tutte le scorte di carboidrati necessarie.

In alternativa, una pasta integrale rappresenta sempre un’ottima soluzione per fornire carboidrati e micronutrienti al proprio corpo.

Gli atleti devono cuocere la pasta in un certo modo? 

Tutte le persone che hanno praticato almeno una volta nella loro vita uno sport sanno che sentirsi appesantiti mentre si fa uno sforzo fisico è davvero fastidioso e ciò potrebbe influenzare in maniera negativa la prestazione. Per questo motivo, mangiare una pasta “al dente” permetterà di digerirla meglio e di affrontare l’attività nel migliore dei modi.

A questo proposito, la regola 1, 10, 100, che sta a significare che bisogna utilizzare un litro d’acqua e dieci grammi di sale per ogni cento grammi di pasta, è sempre da tenere a mente per non sbagliare i dosaggi durante la cottura.

Per il resto, la pasta va cotta in base a tutti gli altri dettami tipici della tradizione culinaria italiana: il sale è da aggiungere quando l’acqua di cottura è in ebollizione e, proprio per far sì che la pasta sia “al dente”, questa va tolta dalla pentola un minuto prima del tempo di cottura indicato sulla confezione.

Conclusioni

Rinunciare alla pasta nella propria dieta sarebbe davvero un peccato, anche e soprattutto se si pratica sport. Come abbiamo visto, i carboidrati contenuti nella pasta consentono ai muscoli di sopportare sforzi anche per lunghi periodi di tempo.
In definitiva, la pasta non deve essere vista come un nemico della dieta per chi pratica sport, ma, al contrario, va considerata un prezioso alleato per migliorare le prestazioni sportive. Dunque, mangiare un bel piatto di pasta La Pasta di Camerino è l’ideale per fare il pieno di gusto e anche di energie in vista dello sforzo fisico che si andrà ad affrontare.
Nutrirsi bene è un fattore che tutti dovremmo perseguire, soprattutto chi pratica sport; farlo con una pasta di alta qualità che garantisca anche una soddisfazione al palato è sicuramente un valore aggiunto da non sottovalutare.

marchio 100% italiano

Gli unici con Filiera 100% trasparente

Sulle colline dell’entroterra marchigiano la brezza del mare adriatico si mescola all’aria pura e alla terra genuina dei monti sibillini. È qui che nasce La Pasta di Camerino, ruvida e porosa come quella fatta in casa, realizzata con cura e nel rispetto dei migliori metodi artigianali.

0
0